Vittimismo, escursioni e alterazioni. Tre ore di puro egocentrismo.

Estimated read time 2 min read

Dal Mes alle istituzioni bancarie, dall’Unione Europea alla crescita economica, dalle località balneari al caso Pozzolo: durante la conferenza stampa, Giorgia Meloni riafferma l’idea di destra discriminata, anche in un momento in cui ha il pieno controllo e potere decisionale.

Il suo volto si increspa mentre ascolta le domande più sgradite e si forma una smorfia dopo le risposte più pungenti. La conferenza stampa è stata caratterizzata da omissioni, salti logici, esitazioni, strumentalizzazioni e anche alcune affermazioni oggettivamente false. Per oltre tre ore, si è assistito ad un puro esercizio di melonismo, senza mai perdere la calma ma mostrando anche una posa vittimista che sembra essere parte integrante della personalità della presidente del Consiglio: la destra discriminata, anche quando ha tutto il potere decisionale, attribuendo una cospirazione a poteri occulti che sarebbero in azione. Meloni li denuncia, ma incredibilmente aggiunge che non si deve chiederle di essere più precisa su questo tema. Allo stesso tempo, accusa la sinistra di applicare doppi standard, nonostante la presidente dimostri di essere maestra nell’utilizzo di misure differenti per situazioni simili.

“`html

Dal Mes alle istituzioni bancarie, dall’Unione Europea alla crescita economica, dalle località balneari al caso Pozzolo: durante la conferenza stampa, Giorgia Meloni riafferma l’idea di destra discriminata, anche in un momento in cui ha il pieno controllo e potere decisionale.

Il suo volto si increspa mentre ascolta le domande più sgradite e si forma una smorfia dopo le risposte più pungenti. La conferenza stampa è stata caratterizzata da omissioni, salti logici, esitazioni, strumentalizzazioni e anche alcune affermazioni oggettivamente false. Per oltre tre ore, si è assistito ad un puro esercizio di melonismo, senza mai perdere la calma ma mostrando anche una posa vittimista che sembra essere parte integrante della personalità della presidente del Consiglio: la destra discriminata, anche quando ha tutto il potere decisionale, attribuendo una cospirazione a poteri occulti che sarebbero in azione. Meloni li denuncia, ma incredibilmente aggiunge che non si deve chiederle di essere più precisa su questo tema. Allo stesso tempo, accusa la sinistra di applicare doppi standard, nonostante la presidente dimostri di essere maestra nell’utilizzo di misure differenti per situazioni simili.

“`

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours