Ryanair, il principale O’Leary, ottiene un eccezionale bonus di 100 milioni

Estimated read time 2 min read

Il CEO della compagnia low-cost deve aumentare leggermente il prezzo delle azioni per ottenere il premio.

Il CEO della compagnia low-cost deve portare il prezzo dell’azione ancora un poco più in alto per incassare il premio.
MILANO – Ancora una piccola salita di quota e Michael O’Leary, numero uno di Ryanair, potrà incassare un premio-record nella storia delle aziende europee. Gli basterà che le azioni della compagnia low-cost salgano a quota 21 euro e mantengano quel livello per 28 giorni filati – oppure che il profitto annuale raggiunga i 2,2 miliardi di euro – perché scatti la possibilità di esercitare opzioni sui titoli Ryanair con un valore nell’ordine dei 100 milioni di euro.
Il meccanismo, svelato dal Financial Times, risale al 2019. Ma mai come ora è attuale. Dopo una cavalcata dell’azione del 50% da inizio anno, Ryanair si è portata a quota 18,99 euro nell’ultima seduta della scorsa settimana. Il quotidiano della City rimarca però che il giudizio degli analisti è favorevole: gli esperti della Borsa proiettano infatti le azioni Ryanair verso un valore di 24 euro nel giro dei prossimi dodici mesi. Stme che faranno quantomai piacere al vulcanico ceo.
Tecnicamente, O’Leary potrà esercitare le opzioni per comprare 10 milioni di azioni a 11,12 euro ciascuna. Per quanto riguarda invece l’obiettivo di generazione dei profitti, l’asticella è un po’ più alta di quel che si aspettano gli analisti che hanno indicato una stima di 1,85-2,05 miliardi di utili per l’anno fiscale in chiusura a marzo.
Recentemente la Iata, l’associazione delle compagnie a livello globale, ha diramato stime di crescita per il comparto: i passeggeri sono visti a livelli superiori alla pandemia, così come i ricavi sono visti ancora in crescita. La Iata denuncia però una marginalità sotto pressione, perché anche i costi sono saliti. Certamente, notano senza dubbio gli utenti, anche i biglietti sono fortemente rincarati.

Il piano di incentivazione di O’Leary era originariamente in scadenza nel 2024, ma poi è stato esteso al 2028 quando ancora il titolo veleggiava sui 13 euro. Il Ft accredita il ceo di uno stipendio di poco sotto il milione nell’ultimo esercizio, ma dalla sua c’è anche una quota della compagnia pari al 3,9% che oggi vale oltre 900 milioni.
O’Leary potrebbe essere in buona compagnia: al collega Josef Varadi di Wizz Air è stato promesso un assegno da 100 milioni di sterline. Peccato che la sua azione sia lontana dalle 120 sterline che deve raggiungere per sbloccare il bonus, languendo infatti piatta intorno a quota 20.

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours