Oggi, il 15 dicembre, si osserva un clima ottimista sui mercati azionari dopo le decisioni della Fed e della Bce, con l’Europa che registra un aumento.

Estimated read time 3 min read

MILANO – I mercati mostrano un clima positivo dopo due giorni di azione delle banche centrali. La Federal Reserve ha annunciato quattro tagli dei tassi nel 2024, mentre la Banca Centrale Europea ha deciso di mantenerli invariati senza prevedere una riduzione nel futuro. In Asia, gli indici sono positivi, ad eccezione della Cina che è un po’ indietro a causa dei dati economici contrastanti. Tokyo ha registrato una chiusura positiva del +0,87%.

Il titolo di Tim vola in Borsa con un aumento del +4,57% dopo la notizia che Vivendi ha presentato un ricorso contro la vendita della rete di Tim a Kkr presso il Tribunale di Milano, anche se non ha richiesto la sospensiva.

Le borse europee mantengono rialzi a metà giornata, con Milano (+0,4%) che si sta muovendo positivamente.

Le borse europee continuano a salire a metà giornata, con gli investitori che sembrano aver superato la delusione delle decisioni della BCE, che ha rimandato l’abbassamento del costo del denaro. I settori tecnologici, le materie prime e l’automotive stanno trainando gli indici (Milano +0,4%, Parigi +0,57%, Francoforte +0,34%, Amsterdam +0,55%), con Stellantis (+2,6%) in evidenza a Piazza Affari. Londra è l’unica borsa che registra un calo (-0,5%).

Il debito pubblico raggiunge un nuovo record, arrivando a quota 2867 miliardi di euro nel mese di ottobre. Questo aumento riflette le disponibilità liquide del Tesoro (20,5 miliardi di euro), il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (1,2 miliardi di euro) e altri fattori come gli scarti e i premi all’emissione e al rimborso, la rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e la variazione dei tassi di cambio (complessivamente 1,8 miliardi di euro).

Le borse asiatiche chiudono in rialzo, con un rally a Hong Kong (+2,58%). Questo è dovuto alle decisioni della Federal Reserve e della Banca Centrale Europea di mantenere i tassi di interesse invariati. Gli investitori sono ottimisti che il calo dei costi di finanziamento possa sostenere la crescita economica globale e aumentare la domanda di energia. Il Nikkei di Tokyo ha guadagnato lo +0,87% a 32.970 punti e l’indice Topix ha chiuso a +0,47% a 2.332 punti.

In Francia si registra una ulteriore contrazione dei volumi di produzione, con l’indice Hcob Pmi composite che scende a 43,7 rispetto al mese precedente (44,6 a novembre). Questo è il peggiore calo registrato da novembre 2020. Le imprese manifatturiere e quelle dei servizi hanno entrambe registrato una riduzione della produzione a dicembre, con un tasso di calo accelerato in entrambi i settori. L’indice Pmi della manifattura scende a 42 da 42,9 a novembre, mentre l’indice del settore dei servizi si attesta a 44,3 rispetto a 45,4.

Le principali borse europee aprono in rialzo, con Piazza Affari che registra un aumento dello 0,44% con il Ftse Mib a 30.494 punti. Francoforte segna +0,42% a 16.821 punti, Londra +0,18% e Parigi +0,41%.

Le borse cinesi chiudono la seduta in calo, con l’indice Composite di Shanghai che perde lo 0,56% a 2.942,56 punti e quello di Shenzhen che scende dello 0,39% a quota 1.828,20 punti.

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours