Le quotazioni dei mercati azionari europei sono prudenti oggi, 4 gennaio, a causa delle aspettative deludenti verso la Fed.

Estimated read time 2 min read
MILANO – Le Borse europee ripartono con cautela. I verbali della Fed ieri non forniscono indicazioni precise sul momento in cui la Banca Centrale Usa inizierà a tagliare i tassi di interesse, e Wall Street ha chiuso in ribasso. Tra i dati macroeconomici, l’inflazione in Francia a dicembre è aumentata leggermente (+0,1% mensile e +4,1% annuale secondo l’indice armonizzato). In giornata arriveranno anche i dati tedeschi.
Le Borse sono in lieve aumento: Milano apre a 30.157 punti (+0,19%) e supera Parigi (+0,11%) e Francoforte (+0,12%). Londra, più dinamica, registra un avanzamento dello 0,34%.
In Francia, l’inflazione a dicembre è stata del 4,1%, in linea con le previsioni degli analisti. A novembre l’inflazione era del 3,9%.
I mercati azionari asiatici e del Pacifico sono deboli, influenzati dai verbali dell’ultima riunione del Federal Open Market Committee (Fomc) della Federal Reserve. Ci sono incertezze sui tempi e l’entità dei tagli dei tassi di interesse. La Borsa di Tokyo chiude con un calo dello 0,53% nell’indice Nikkei 225, mentre altri listini registrano un aumento. Hong Kong scende dello 0,1%. Shanghai diminuisce dello 0,3% e Shenzhen dello 0,8%. Il mercato principale di Seul chiude in calo dello 0,7%. Sidney è debole (-0,3%), mentre i future sui listini europei sono stabili.
Il prezzo del gas aumenta: nel mercato di Amsterdam, che è un riferimento per l’Europa, il future del metano con consegna a febbraio registra un aumento del 4%, arrivando a 34 euro al Megawattora nelle prime contrattazioni.

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours