La Cancelliera tedesca mette in vendita all’asta il Merkel One, aereo dalla sfortunata storia che la Cancelliera ha rimedio di bloccare.

Estimated read time 2 min read

L’Airbus messo all’asta

Lo Stato ha delegato una società pubblica per la vendita dell’aereo al miglior offerente, senza rimpianti. Ha una serie di problemi. Nel 2018 si è verificato un atterraggio d’emergenza con la cancelliera tedesca a bordo.

ROMA – I canali televisivi e i giornali tedeschi lo chiamavano “Merkel One”, in onore della prima Cancelliera donna dello Stato (Angela Merkel) che ha solito utilizzarlo per le sue missioni all’estero.

L’Airbus A340-300 – dedicato in realtà a Konrad Adenauer, uno dei padri fondatori dell’Europa unita – adesso viene messo all’asta.

La Germania affida a una società pubblica (Vebeg) la vendita al miglior offerente di questo aereo, non certo fortunato, a 24 anni e mezzo dal suo primo volo.

Il “Merkel One” ha avuto tre incidenti. Il primo è avvenuto il 29 novembre 2018, quando è stato costretto a un atterraggio di emergenza a Colonia – con i pompieri al bordo della pista – dopo essere decollato da Berlino.

La Merkel, spaventata, è stata costretta a trasferirsi su un aereo dell’Aeronautica militare e è arrivata in ritardo al vertice del G20 a Buenos Aires.

L’Airbus – che ha subito un guasto ai sistemi elettronici nei cieli dell’Olanda – è stato completamente revisionato. Ma il primo aprile 2019, al suo primo volo dopo la revisione, ha avuto un altro problema.

Un pneumatico è esploso durante l’atterraggio a New York mentre c’era a bordo l’allora ministro degli Esteri, Heiko Maas.

Infine, nell’agosto 2023, l’Airbus “Merkel One” viene ritirato dal servizio dopo che la ministra degli Esteri Annalena Baerbock è stata costretta a cancellare un viaggio in Oceania.

In quell’occasione, un problema con un dispositivo sulle ali – i flap, fondamentali per un decollo e un atterraggio sicuri – ha costretto il “Merkel One” a fare un primo atterraggio ad Abu Dhabi. Dopo essere risalito in volo, l’aereo tedesco è tornato ad Abu Dhabi una seconda volta perché il problema non era stato risolto.

Il venditore (Vebeg) comunicherà le regole dell’asta di questo sfortunato Airbus entro metà gennaio. L’asta si svolgerà dal vivo e valuterà, naturalmente, le offerte concorrenti. Un’asta senza grandi rimpianti.

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours