Kyrgios a Becker: “Djokovic sarebbe stato il tuo peggior nemico”. La risposta: “Non hai ottenuto niente, concentrati su onlyfans”.

Estimated read time 4 min read

Nick Kyrgios, 28 anni

Il tennista australiano, che nell’ultimo anno ha giocato un solo match, ha criticato le leggende del passato, in particolare il tedesco che ha risposto per le rime: ”Con quale credibilità parli?”

Nick Kyrgios e Boris Becker, una sfida senza esclusione di colpi. Non parliamo di un match di esibizione, ma di un durissimo botta e risposta sul web tra il 28enne tennista australiano e l’ex campione tedesco, che si sono lanciati frecciatine al veleno in un vero e proprio scontro generazionale.

La “miccia” l’ha fatta esplodere Kyrgios, che da poche settimane sta facendo parlare di sé non tanto sul campo (nell’ultimo anno ha giocato un solo match, lo scorso giugno sull’erba di Stoccarda), ma su Onlyfans, dove si è lasciato andare a commenti non proprio eleganti sulle grandi leggende del passato che, secondo il 28enne di Canberra, oggi farebbero fatica contro i big moderni: ”Ho visto giocare Becker, è assurdo dire che sarebbe competitivo oggi”, sentenzia il bad boy del circuito Atp. E ancora: ”Djokovic si mangerebbe vivo Sampras”.

Nick fa molto rumore nel tennis ultimamente!?! Perché parla di uno sport che apparentemente odia … Dai un’occhiata ai fatti: Nick non ha mai vinto un campionato importante come giocatore o allenatore (sì, doppio 1), quindi da dove viene la credibilità? Cercare di confrontare le generazioni … Laver contro Federer …

Non si è fatta attendere la replica di Boris Becker, sei Slam in carriera e oggi allenatore di Rune, che su X ha difeso la sua generazione provocando Kyrgios: ”Parla di uno sport che apparentemente odia. Se guardiamo i fatti Nicky non ha vinto un torneo importante. Con quale credibilità parla?”, incalza il tedesco ricordando alcune grandi leggende come Laver, Borg, Sampras, McEnroe, Connors, Agassi e Wilander. ”Occupati di altre cose sul tuo Onlyfans”, la stoccata finale.

Una cosa è certa: non sarò qui tra 20-30 anni a sostenere di poter competere e confrontare con i nuovi ragazzi del blocco. È sicuramente una questione di ego…

Apriti cielo. La palla ripassa in Australia dove Kyrgios ricorda i problemi giudiziari dell’avversario virtuale: ”Questo tizio parla di credibilità. Ho controllato, eri tu a occultare beni, no?”, riferendosi alla condanna a 8 mesi di carcere dell’ex numero uno del mondo. Poi la rivendicazione: ”Ho battuto Federer, Djokovic, Nadal e Murray. Se non sono credibile io, non lo è il 99% del tennis. Non ci vuole uno scienziato per capire che Novak ti avrebbero spazzato nei tuoi anni migliori”. E, come se non fosse abbastanza, arriva anche la stoccata ad Alexander Zverev, pupillo di Becker: ”Che mi dici di lui? Non ha mai vinto nemmeno un titolo di doppio negli Slam”, che invece Nick ha conquistato all’Australian Open del 2022 insieme a Kokkinakis.

Quello tra Kyrgios e Becker non è tuttavia il primo scontro. Chi ha buona memoria ricorderà il botta e risposta nel 2020 in piena era Covid. Anche in quell’occasione fu messo in ballo Sasha Zverev, che era stato pizzicato a fine giugno in un party a Montecarlo dopo aver eluso le misure anti-pandemia. L’australiano, che era finito sotto l’occhio del ciclone per la partecipazione all’Adria Tour, torneo organizzato da Djokovic da cui era nato un focolaio, aveva pubblicamente criticato il collega, beccandosi così della “spia” (”rats”) da Becker. Dopo tre anni i due si sono ritrovati sul ring dei social.

Tornando a parlare di tennis, la carriera di Kyrgios sembra essere arrivata a un bivio. Dopo il momento più alto, la finale Wimbledon del 2022 persa contro Djokovic, l’eccentrico tennista non ha trovato più continuità a causa dei problemi fisici, che gli hanno fatto saltare l’intero 2023. La data del rientro resta misteriosa, anzi lo stesso Nicky, sempre tramite Onlyfans, ha addirittura aperto all’ipotesi ritiro: ”Sono stanco ed esausto, non voglio più soffrire. Quando mi alzo, non posso fare un passo senza sentire dolore. Non voglio più giocare”. Il futuro è sempre più incerto.

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours