Jean Todt: “Schumacher è ancora presente, anche se non è più come un tempo.”

Estimated read time 2 min read
Michael Schumacher e Jean Todt
L’ex team principal della Ferrari ha parlato dell’ex pilota a quasi dieci anni di distanza dall’incidente sugli sci. “Ha una famiglia splendida che si prende cura di lui”
“Se Michael Schumacher mi manca? No, posso dire che mi manca. Ho condiviso con lui molti momenti e sono onorato di poterlo fare ancora. Non mi manca perché lui, alla fine, c’è”. L’ex team principal della Ferrari, Jean Todt, in un’intervista a L’Equipe ha parlato dell’ex pilota dopo l’incidente sugli sci del 2013. “Non è il Michael di prima, quello che tutti ricordano ai tempi della Formula 1. Oggi è diverso ed è magnificamente sostenuto da sua moglie e dai suoi figli che lo proteggono. La sua vita è diversa e ho il privilegio di poter condividere alcuni momenti insieme a lui. Questo è tutto quello che c’è da dire”.

Dopo Todt ha attaccato il suo successore alla guida del circus, Mohammed Ben Sulayem, che in un’intervista del 10 ottobre aveva denunciato un deficit storico nella Federazione. “Conosco il personaggio – ha detto l’ex capo della Ferrari -, ogni anno, i conti sono stati ampiamente beneficiari, tranne gli ultimi due anni, segnati dalla crisi del Covid. Quando me ne sono andato, dovevano esserci più di 250 milioni di euro di riserve. Quando sono arrivato nel 2009, ce n’erano solo 40. Siamo passati da meno di 80 posti di lavoro a più di 200”.

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours