Inter e Juventus, uguali ma differenti: la lotta per lo scudetto si gioca sui dettagli.

Estimated read time 3 min read
Incredibile somiglianza d’andamento nel girone d’andata tre le due prime della classe: stessi risultati con tutte le altre tranne che con l’Atalanta. La squadra di Inzaghi vince più largamente, ma i bianconeri hanno ottenuto il doppio dei punti oltre l’80’
La differenza l’ha fatta l’Atalanta. Il girone di andata di Inter e Juventus, divise da 2 punti (48 a 46) dopo 19 giornate, può essere sintetizzato così. Incredibilmente le due principali candidate allo scudetto, che hanno pareggiato 1-1 nello scontro diretto a Torino, hanno collezionato lo stesso identico risultato con tutte le altre squadre eccezion fatta per la sfida con la squadra di Gasperini, con la quale i nerazzurri hanno vinto (1-2) a Bergamo mentre i bianconeri, sempre in trasferta, non sono andati oltre lo 0-0: un pareggio, tra l’altro, arrivato nell’unico incontro in cui non sono riusciti a segnare.
Le similitudini sono impressionanti. Sembra quasi incredibile che la sola sconfitta l’abbiano subita proprio con il Sassuolo (1-2 a Milano l’Inter, 2-4 a Reggio Emilia la Juventus), e che poi abbiano entrambe pareggiato in casa con il Bologna (2-2 i nerazzurri, 1-1 i bianconeri) e fuori, con identico risultato (1-1), con il Genoa. In fotocopia o quasi sono arrivate le ampie vittorie con Udinese (4-0 la capolista e 3-0 i bianconeri), Lazio (2-0 e 3-1) e Torino (3-0 e 2-0), e quelle di misura con Roma (con identico risultato: 1-0) e Verona (2-1 e 1-0, tra l’altro arrivate entrambe oltre il 90’). Inter e Juventus hanno viaggiato segnando praticamente sempre (19/19 l’Inter, 18/19 la Juventus) e toccando la doppia cifra nei ‘clean sheet’ (12 i nerazzurri, 10 i bianconeri).
Non mancano, però, le differenze vistose. E questo a sottolineare le caratteristiche tecnico-agonistiche delle due squadre. L’Inter ha ottenuto ben 11 vittorie con almeno 2 gol di scarto (2-0 con Monza, Cagliari, Frosinone, Lazio e Lecce, 3-0 a Torino e Napoli, 4-0 a Fiorentina, Salernitana e Udinese, 5-1 al Milan), la Juventus solo 4 (2-0 a Empoli e Torino, 3-0 all’Udinese e 3-1 alla Lazio). Segno evidente che i nerazzurri quando vanno in vantaggio spesso poi dilagano mentre i bianconeri badano più a gestire il risultato. Non a caso gli uomini di Inzaghi hanno strappato appena 4 successi di misura (1-0 con Empoli e Roma, e 2-1 con Atalanta e Verona) contro i ben 10 della squadra di Allegri (1-0 con Lecce, Milan, Verona, Fiorentina, Napoli e Roma e 2-1 con Cagliari, Monza, Frosinone e Salernitana).
Il divario tra le due è ampio anche nelle vittorie maturate negli ultimi 10’: la Juventus ha portato a casa 8 punti (6 nel recupero) battendo il Verona al 96’ (Cambiaso), il Monza al 94’ (Gatti), il Frosinone all’81’ (Vlahovic) e la Salernitana al 91’ (Vlahovic). L’Inter invece ne ha collezionati solo 4 sconfiggendo la Roma all’81’ grazie a Thuram e il Verona al 93’ con Frattesi.
E se la Juventus ha un bilancio in parità, in termini di punti, tra rimonte subite (da 1-0 a 1-1 con Inter e Genoa) e rimonte effettuate (da 0-1 a 1-1 con il Bologna e da 0-1 a 2-1 con la Salernitana), l’Inter può recriminare visto che al di là del fondamentale 1-1 nello scontro diretto a Torino, arrivato dopo essere andata sotto, ha gettato via punti preziosi con Sassuolo (da 1-0 a 1-2), Bologna (da 2-0 a 2-2) e Genoa (da 1-0 a 1-1). Numeri che evidenziano come il distacco tra le due sarebbe potuto essere più ampio.
Gli Highlights della tappa di oggi

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours