Il numero di auto immatricolate nel mercato italiano nel 2023 supera 1,5 milioni.

Estimated read time 2 min read

Sprint a dicembre dei veicoli elettrici. Negli ultimi quattro anni sono state vendute 2 milioni di vetture in meno, ma il parco circolante è aumentato grazie all’usato. Centro Studi Promotor: “Rischio di stagnazione per il 2024”

Le immatricolazioni di auto registrano “un calo del 18,3% sul 2019, cioè sull’anno precedente la pandemia e tutti gli altri eventi negativi che l’hanno accompagnata. In valore assoluto, rispetto al 2019, nel quadriennio 2020-2023 sono state immatricolate 1.944.794 auto in meno”. A metterlo in evidenza è il Centro Studi Promotor con il presidente Gian Primo Quagliano: “Qualcuno potrebbe pensare o sperare – spiega – che questa forte contrazione nell’ultimo quadriennio sia stata accompagnata da un calo delle auto in circolazione. Non è così. Anzi è successo il contrario”. Le auto circolanti sono passate da 39.545.232 del 2019 a 40.839.063 del 2023 e il tasso di motorizzazione privata del Paese è salito a 69 auto per ogni 100 abitanti, livello record in ambito mondiale. Questo è dovuto al fatto che una quota maggiore del passato di auto nuove acquistate non è andata a sostituire auto già possedute ma ad aumentare il numero di auto dei singoli proprietari. “Potrebbe trattarsi n particolare delle auto elettriche che molti ritengono non ancora in grado di far fronte a tutte le esigenze di mobilità e quindi in una certa misura si aggiungono ad auto già possedute. Inoltre la carenza di disponibilità da parte delle reti di vendita di auto meno costose e il forte aumento dei prezzi delle auto (+34,3% dal 2019 al 2022 e ulteriori aumenti nel 2023) hanno spinto molti acquirenti a orientarsi verso l’usato con l’acquisto di auto di seconda, terza o quarta mano che prima sarebbero state rottamate. Le conseguenze sono deleterie per il livello di inquinamento e per la sicurezza della circolazione”, spiega Quagliano.

Per il Centro studi di Bologna “la ripresa dall’agosto 2022 si sta esaurendo e il mercato dell’auto sta entrando in una sostanziale e non breve stagnazione con la prospettiva per il 2024 di un volume di immatricolazioni allineato a quello del 2023, cioè di 1.573.000 unità”. Dall’inchiesta mensile tra i concessionari a dicembre risulta, tra l’altro, che la maggioranza prevede vendite di auto sui livelli del 2023.

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours