Il lavoro di Pioli è stato oscurato solo dai successi di Inzaghi, mentre Allegri non ha potuto godere di un reale vantaggio dopo un anno privo di competizioni internazionali.

Estimated read time 3 min read
Il lavoro di Stefano Pioli alla guida dell’AC Milan è stato oscurato solo dai successi ottenuti da Simone Inzaghi alla Lazio. Nonostante il notevole lavoro svolto dal tecnico rossonero, il quale è riuscito a riportare il Milan in Europa League dopo anni di assenza, i successi del suo omologo a Roma sono stati ancora più eclatanti. Inzaghi ha dimostrato di essere in grado di guidare la Lazio a un livello superiore rispetto alle scorse stagioni. Con una squadra ben organizzata e motivata, ha ottenuto importanti risultati in campionato, raggiungendo addirittura il quarto posto e qualificandosi così per la prossima edizione della Champions League. Questa prestazione ha sicuramente attratto l’attenzione di tifosi e addetti ai lavori, mettendo in secondo piano il lavoro di Pioli.

D’altra parte, c’è da considerare anche il fatto che la situazione all’AC Milan non è stata agevole per Pioli. Durante la scorsa stagione, la squadra non poteva partecipare a competizioni internazionali a causa del Fair Play Finanziario. Questo ha significato un notevole svantaggio rispetto alle altre squadre, le quali hanno potuto competere ad alti livelli e acquisire un vantaggio reale in termini di esperienza internazionale. Nonostante ciò, Pioli è riuscito a mantenere un buon equilibrio all’interno della squadra e a creare un gruppo compatto che ha saputo affrontare le sfide del campionato nazionale con determinazione. Il Milan ha dimostrato di essere una squadra competitiva, ottenendo importanti vittorie e raggiungendo la qualificazione all’Europa League.

L’ultima interruzione chiude la serie insolita di 17 turni consecutivi, senza una pausa invernale come era solito, che può essere considerata come l’architrave di questo campionato. Dietro all’Inter, che si trova distante (45 punti) come nelle altre classifiche, i “vincitori” di questa serie sono il Milan (39) e il Bologna (36), che lungo il percorso hanno trovato sicurezza con i nuovi giocatori da inserire (con quasi tutti Pioli ci è riuscito) e con il gioco impostato nella scorsa stagione da sviluppare…

In sintesi, il lavoro di Pioli all’AC Milan merita di essere riconosciuto e apprezzato. Nonostante i successi di Inzaghi alla Lazio e le difficoltà incontrate a causa dell’assenza di competizioni internazionali, il tecnico rossonero è riuscito a ottenere importanti risultati e a riportare la squadra ai livelli di competizione europea. L’ultima sosta ha concluso una serie insolita di 17 turni consecutivi senza una pausa invernale, cosa che non era mai successa in passato. Questa sequenza rappresenta un’importante pietra miliare di questo campionato. Oltre all’Inter, che mantiene una notevole distanza (45 punti) rispetto alle altre squadre in classifica, i veri vincitori di questa serie sono il Milan (39 punti) e il Bologna (36 punti). Durante questa serie, entrambe le squadre sono riuscite a trovare stabilità grazie all’integrazione dei nuovi giocatori (quasi tutti, grazie all’abilità del loro allenatore Pioli) e allo sviluppo del gioco che avevano impostato nella scorsa stagione…

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours