Il dipinto caravaggesco di Sgarbi, un enigma da risolvere: nonostante risulti rubato per Interpol, lui decide di esporlo a Lucca con delle modifiche.

Estimated read time 2 min read

L’opera del Manetti trafugata nel 2013 sembra appartenere al critico che però dice: “No, è un’altra”, ma il suo restauratore lo smentisce.

Questa volta a mettere nei guai il sottosegretario alla Cultura Vittorio Sgarbi è un quadro che risulterebbe rubato nel 2013 e misteriosamente riapparso, addirittura ritoccato.

Due anni fa – si legge su Il Fatto Quotidiano che ha realizzato un’inchiesta in collaborazione con Report che sarà trasmessa domenica sera – Sgarbi ha inaugurato a Lucca la mostra “I pittori della luce” con la “Cattura di San Pietro” l’”inedito” di Rutilio Manetti, un dipinto caravaggesco del ‘600 che vale diverse centinaia di migliaia di euro. Secdono Il Fatto non si tratta di un inedito perché risulta rubata e si ritrova tra le foto della banca dati dell’Interpol.

Prima del 2013 il dipinto si trovava in un castello di Buriasco, vicino Pinerolo, di proprietà di un’anziana signora, Margherita Buzio, dove Sgarbi è stato più volte. Paolo Bocedi, un fedelissimo del sottosegretario, si propone per comprarlo ma la signora rifiuta. Scoprendo settimane dopo che i ladri si sono introdotti nel castello, hanno ritagliato e asportato la tela del Manetti, lasciando al suo posto una foto dell’opera attaccata con una spillatrice, si legge ancora su Il Fatto. Margherita Buzio ha dei sospetti, si rivolge alle forze dell’ordine per denunciare il furto ma il fascicolo viene subito archiviato.

Poi il mistero dopo 10 anni. A Lucca spunta fuori di nuovo il quadro restaurato ma con un dettaglio diverso: c’è un candelabro sullo sfondo che nella foto dell’Anticrimine invece mancava. “Il quadro è quello, me lo portò un amico di Vittorio insieme a un trasportatore, arrotolato come un tappeto”, assicura il restauratore. E il sottosegretario smentisce: “No, è un’altra”.

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours