Françoise Bettencourt Meyers stabilisce un primato: l’erede di L’Oréal diventa la prima donna ad accumulare una fortuna superiore ai 100 miliardi di dollari.

Estimated read time 3 min read
Liliane Bettencourt e sua figlia Francoise, nel 2012.
La crescita delle azioni del gruppo della bellezza ha portato alla creazione di una grande ricchezza per l’ereditiera. La combinazione di Francia e lusso è molto popolare.
MILANO – La crescita eccezionale delle azioni di L’Oréal ha reso Françoise Bettencourt Meyers, l’erede dell’impero dei prodotti di bellezza fondato dal nonno, la prima donna a raggiungere una fortuna di 100 miliardi di dollari. “Un altro traguardo significativo per l’ereditiera e per l’industria francese della moda e della cosmesi in espansione”, afferma Bloomberg, che conferma il risultato nel suo Bllionaires Index, l’indice che monitora i patrimoni dei magnati globali minuto per minuto. Giovedì, la ricchezza di Bettencourt Meyers è salita a 100,1 miliardi.
Ed è stato proprio il pacchetto azionario di L’Oréal (che rappresenta il 35% del capitale) ereditato dal nonno a consentire a Bettencourt Meyers di superare i 100 miliardi, poiché l’azione sta chiudendo l’anno migliore dal 1998.
Attualmente, Bettencourt Meyers è la dodicesima persona più ricca al mondo, subito dopo il magnate messicano Carlos Slim, ma è ancora molto lontana dal connazionale Bernard Arnault, fondatore del colosso del lusso Lvmh, che si trova al secondo posto nella classifica globale con 179 miliardi di dollari. È un fatto che la combinazione di Francia e lusso ha permesso a numerose famiglie di costruire fortune immense, dalle dinastie di Hermes ai fratelli Wertheimer, proprietari di Chanel.
Bettencourt Meyers, 70 anni, è descritta come una persona riservata, lontana dal mondo mondanità e impegnata nel pianoforte e nello studio: ha scritto cinque volumi sulla Bibbia e una genealogia degli dei greci. In L’Oréal, un’azienda da 241 miliardi, è vicepresidente del consiglio di amministrazione, che include anche i suoi figli, Jean-Victor Meyers e Nicolas Meyers. Fondata nel 1909 dal nonno chimico Eugene Schueller per produrre e vendere una tintura per capelli da lui sviluppata, l’azienda è ormai guidata da manager esterni da molti anni.
Il suo nome è strettamente legato alla saga familiare. Ha ereditato la ricchezza nel 2017 alla morte della madre, ma già negli anni ’80 la faida familiare si era trasformata in uno scandalo politico. Il dubbio ruotava attorno alla capacità o meno della madre anziana di gestire il patrimonio familiare.
Come figlia unica, Bettencourt Meyers è diventata ricca dopo la morte della madre, Liliane Bettencourt, nel 2017, con la quale aveva un rapporto talvolta conflittuale. Una battaglia legale (conosciuta come “Affare Bettencourt”) negli anni ’80 è diventata un caso politico, con il focus sulla capacità dell’anziana madre di gestire il patrimonio familiare. Questa storia coinvolgeva dal maggiordomo fino al presidente Sarkozy, ed è stata anche trasformata in una serie-documentario di Netflix nelle scorse settimane.

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours