Ceferin: “La decisione sulla Superlega è un pacchetto regalo vuoto. Ho il sostegno dei club”. Al Khelaifi: “Un gran trambusto per niente”.

Estimated read time 1 min read

Aleksander Ceferin, il numero uno della Uefa, sostiene fermamente il diritto dell’ente di governo del calcio europeo di organizzare e gestire tornei aperti. Durante una conferenza stampa organizzata via Zoom, ha affermato che nonostante ci siano stati scontri e punti di vista diversi, su una cosa sono tutti uniti: le competizioni devono essere aperte a tutti. Non ha commentato direttamente le azioni legali in corso per difendere l’Uefa, ma ha negato che la sentenza della Corte europea sia rivoluzionaria, affermando che il calcio non è in vendita e che ciò è stato dimostrato più volte.

Il numero uno della Uefa: “Ci sono stati scontri anche accesi e punti di vista diversi, ma su una cosa siamo uniti: le competizioni devono essere aperte a tutti”

Il presidente dell’Uefa, Aleksander Ceferin, difende a spada tratta il diritto dell’ente di governo del calcio europeo di organizzare e gestire tornei aperti. Nella conferenza stampa organizzata ad hoc via Zoom non si sbilancia sulle azioni legali a tutela dell’Uefa (“abbiamo appena letto, servono approfondimenti”), ma nega che la sentenza della Corte europea vada considerata rivoluzionaria: “Il calcio non è in vendita e lo abbiamo dimostrato più volte.”

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours