Brunello Cucinelli prevede un incremento del 23% dei ricavi nel 2023.

Estimated read time 2 min read
La compagnia che entrerà nel FtseMib a gennaio conta di terminare l’anno con un fatturato di 1,1 miliardi di euro e di continuare con una crescita a doppia cifra anche nel 2024-2025.
MILANO – Dopo essere stata quotata in Borsa nel 2012 per crescere gradualmente, Brunello Cucinelli ha accelerato il passo dopo la pandemia, seguendo il ritmo di un centometrista. Dopo i dati dei primi nove mesi e la crescita registrata a ottobre e novembre, il gruppo di lusso ha alzato per la terza volta le stime per il 2023, prevedendo ora un fatturato superiore a 1,1 miliardi, con una crescita compresa tra il +22% e il +23%.
Cucinelli vede anche una marginazione e un profitto “molto importanti, nell’ambito della nostra idea di crescita elegante e redditizia”.
Ma anche il 2024 è previsto molto positivo e superiore alla media del settore. L’azienda di Solomeo prevede infatti che il fatturato salirà intorno al +10% l’anno prossimo, grazie alla raccolta degli ordini completata per le collezioni Primavera-Estate 2024 Donna e Uomo, all’inizio positivo della campagna vendite Autunno-Inverno 2024 e alla pianificazione delle nuove aperture e degli ampliamenti già contrattualizzati. Un andamento che dovrebbe continuare anche nel 2025, con la società di lusso marchigiana che entrerà a far parte del listino principale di Piazza Affari a gennaio che prevede una crescita del fatturato intorno al 10% anche tra due anni.
“Sta per concludersi un altro anno che ci piace definire particolarmente bello e nobile”, spiega Brunello Cucinelli, presidente esecutivo e direttore creativo della Casa di Moda. “I due importanti riconoscimenti internazionali di forte risonanza mondiale ricevuti quest’anno rafforzano l’idea che il marchio Brunello Cucinelli rappresenti una Casa di Moda di lusso assoluta ed esclusiva: un Made in Italy di alta artigianalità. Prevediamo di terminare l’anno con una crescita del fatturato compresa tra il 22% e il 23% a tassi di cambi correnti, superando circa 1,1 miliardi di euro. E visto l’elevata qualità delle vendite, ci aspettiamo un profitto interessante”.

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours