Babilonia New York, dove si possono sentire 700 lingue diverse. E molte di esse potrebbero essere a rischio di estinzione.

Estimated read time 2 min read
Dai vari dialetti dei nativi americani al Juhuri, un idioma persiano-ebraico molto raro. Uno studio che è stato pubblicato dal “New York Times”.
New York – È ben noto che a New York si può vivere senza sapere l’inglese. È sufficiente avere una leggera conoscenza dello spagnolo. Le comunicazioni della polizia sono in due lingue e lo spagnolo è presente ovunque, dai segnali della metropolitana agli annunci municipali e persino nelle pubblicità, nelle locandine dei cinema e nelle librerie. Poi ci sono giornali gratuiti in cinese, coreano e arabo. Nei chioschi si utilizza il bengalese. E nei negozi intorno al World Trade Center è utile conoscere l’abruzzese. Oppure il siciliano a Long Island.
A New York si parlano almeno settecento lingue e dialetti, di cui il 38 per cento proviene dall’Asia, il 24 per cento dall’Africa, il 19 per cento dall’Europa e il 16 per cento dalle Americhe, il restante dalle isole dell’Oceano Pacifico. Centocinquanta di queste lingue sono a rischio di estinzione. I dettagli emergono da una ricerca condotta da due linguisti, Ross Perlin e Daniel Kaufman, che hanno fondato nel 2010 a Manhattan la Ela, acronimo di Endangered Language Alliance, un’organizzazione non-profit dedicata a preservare le lingue minacciate di estinzione.
L’associazione ha raccolto tutti i dati per creare una mappa interattiva, presentata per la prima volta dal magazine Timeout due anni fa e ora ritornata e ampliata dal New York Times, con il progetto grafico di Francesco Muzzi, supervisionato dal giornalista Alex Carp e reso disponibile online la scorsa settimana. Se ci fossero stati dubbi, New York non è soltanto la città più internazionale al mondo, ma anche quella con il maggior numero di lingue e dialetti parlati. La diversità degli idiomi è vasta, spaziando dalle lingue precolombiane ai dialetti nativi americani. Molte di queste lingue sono a rischio di estinzione.

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours