Allegri: “Chiesa non giocherà contro il Frosinone, ha avvertito un piccolo dolore e non ha uno stato d’animo tranquillo”

Estimated read time 3 min read
Il tecnico bianconero: “Fastidio al tendine rotuleo, ma niente di grave. Rabiot è recuperato e giocherà”
TORINO — Vincere a Frosinone ma facendo a meno di Federico Chiesa. Le parole di Massimiliano Allegri alla vigilia della trasferta in Ciociaria, l’ultima partita prima del Natale, preannunciano l’assenza dell’attaccante azzurro, forse il giocatore più in forma della Juventus: “Chiesa ha sentito fastidio al tendine rotuleo, non era sereno e l’abbiamo lasciato a casa – sono state le parole del tecnico dei bianconeri -. Non sarà niente di che, vediamo”.
Il forfait di Chiesa si aggiunge all’assenza di Kean, fermo per un problema alla tibia, assenze che limitano il potenziale dell’attacco bianconero: “Non ho deciso chi giocherà, siamo rimasti in tre. Milik? Ha giocato meno degli altri ma quando è entrato è stato determinante”. Il polacco è stato incisivo a differenza di Vlahovic, che oltre ad aver segnato un gol negli ultimi tre mesi, fatica a lasciare il segno sulle partite: “Ha 23 anni, giocare nella Juve non è facile. Le ultime partite tecnicamente ha fatto bene ma è mancato il gol. Io sono contento, deve trovare equilibrio quando le cose vanno bene e quando vanno male. Come tutti a livello mentale, fino a 27 anni non si trova l’equilibrio, non a caso Rabiot è arrivato a 27-28 anni con due campionati importanti. Sarà così per Vlahovic, Kean”.
Non sarà semplice tornare da Frosinone con i tre punti: i ciociari hanno conquistato in casa 17 dei 19 punti attualmente in classifica. In casa la squadra di Di Francesco si trasforma, anche se l’ultima impresa in ordine di tempo è arrivata in trasferta, lo 0-4 che ha eliminato il Napoli dalla Coppa Italia: “Sarà insidiosa per vari motivi. È l’ultima prima di Natale e nelle settimane delle feste c’è un clima diverso. Serviranno attenzione e concentrazione. Inoltre affrontiamo una squadra che in casa ha perso solo con il Napoli alla prima partita, andando anche in vantaggio. Ha vinto poi al Maradona 4-0 giocando una bella partita. È una squadra che gioca e si propone e vive un momento di esaltazione. Servirà una partita seria dal punto di vista mentale per passare serenamente le feste. Domani è troppo importante il risultato”.
Tra i trascinatori del Frosinone spicca il terzetto di giovani bianconeri formato da Soulé, Kaio Jorge e Barrenechea, prodotti del vivaio e destinati a tornare in futuro alla Continassa. Soulé è il miglior realizzatore dei frusinati con sei gol mentre Barrenechea ha sbloccato la partita con il Napoli e Kaio Jorge ha realizzato il suo primo gol in Italia nello scorso turno di campionato. “Stanno facendo molto bene, sono contento ma non avevo dubbi su quanto potessero fare – ha spiegato Allegri -. Frosinone è una società sana, con un presidente serio, un ds come Angelozzi che conosce il mestiere e un allenatore come Di Francesco in cerca di rivalsa. Stanno facendo un percorso importante, sono molto contento di quanto stanno facendo”.
In difesa probabile la conferma del terzetto Gatti-Bremer-Danilo, nonostante le diffide e la partita contro la Roma in programma nel turno successivo: “Abbiamo preso a Genova un gol troppo facile per noi, abbiamo fatto cinque errori nella stessa azione. E non deve accadere. Poi è normale che si debba alzare la percentuale realizzativa. Alle diffide non penso perché sono tre punti fondamentali, quando inizi a fare i conti vengono fuori i contadini, come dico sempre io”. Sulle fasce toccherà ancora a Kostic e Cambiaso, visto che il recuperato Weah non ha ancora i 90′ nelle gambe, mentre a centrocampo sarà Rabiot il titolare: “Ha recuperato, sta bene, giocherà”.
NOME
Juventus FC
ANNO DI FONDAZIONE
ALLENATORE
Massimiliano Allegri
STADIO
Allianz Stadium

You May Also Like

More From Author

+ There are no comments

Add yours